Cerca
Close this search box.
Sicurezza e salute

Patente a punti nei cantieri. Tutto quello che c’è da sapere sulla nuova legge.

Tabella dei contenuti

Dal 1° ottobre 2024 entrerà in vigore il D.L. 2 marzo 2024, n. 19 che apporterà dei cambiamenti per le imprese e i lavoratori autonomi che operano in specifici contesti lavorativi.  Cosa sono questi cambiamenti e cosa introduce tale legge? Scopriamoli e intento benvenuti su IngegnoSi.

Questa legge introduce la patente a punti nei cantieri, misura funzionale a contrastare il lavoro sommerso e a migliorare la vigilanza sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, proteggendo i lavoratori e facendo in modo che le imprese lavorino in modo responsabile e conforme alle leggi. 

A chi si rivolge e chi è esente dalla patente a punti nei cantieri?

A chi si rivolge questa patente a punti nei cantieri? L’obbligo di ottenere questa patente si applica sia alle imprese che ai lavoratori autonomi che operano nei cantieri temporanei o mobili. L’obiettivo principale è garantire livelli adeguati di sicurezza e prevenire il lavoro irregolare. Ma chi è esente da questo obbligo?

Le imprese che possono dimostrare di possedere l’attestazione di qualificazione SOA in classifica pari o superiore alla III sono esonerate. Questa classificazione è regolata dal Codice dei contratti pubblici e rappresenta un riconoscimento della competenza e affidabilità delle imprese nei lavori pubblici. Inoltre, sono esentati coloro che forniscono servizi o prestazioni di natura intellettuale, un chiaro distinguo che tiene conto della diversità di attività e rischi.

patente a punti cantieri

Per quanto riguarda le imprese e i lavoratori autonomi stabiliti in altri Paesi, sia nell’Unione Europea che al di fuori di essa, devono possedere un documento equivalente rilasciato dalle autorità competenti del loro Paese d’origine. Questo documento deve essere riconosciuto secondo le leggi italiane per garantire un adeguato livello di sicurezza e conformità normativa.

Cosa si intende per cantieri temporanei e mobili?

I cantieri temporanei o mobili, come definiti dall’articolo 89, comma 1, lettera a) del Decreto Legislativo 81/08, rappresentano uno scenario dinamico e variegato dove si svolgono una vasta gamma di attività edili e di ingegneria civile. Questo ambito comprende:

  • Lavori di costruzione, manutenzione, riparazione, demolizione, conservazione, trasformazione, equipaggiamento, ristrutturazione o smantellamento di opere fisse, permanenti o temporanee, in muratura, cemento armato, metallo, legno o altri materiali.
  • Parti strutturali delle linee elettriche e degli impianti elettrici, opere stradali, ferroviarie, idrauliche, marittime, idroelettriche.
  • Lavori di bonifica, sistemazione forestale e sterro.
  • Scavi, montaggio e smontaggio di elementi prefabbricati utilizzati per la realizzazione di lavori edili o di ingegneria civile.

Come viene rilasciata la patente a punti nei cantieri?

Il processo è gestito dall’Ispettorato Nazionale del Lavoro (INL) e avviene in formato digitale, una mossa che mira a semplificare e modernizzare il sistema. Prima del rilascio della patente a punti nei cantieri, i soggetti interessati devono autocertificare il possesso di vari requisiti, tra cui l’iscrizione alla Camera di Commercio, l’adempimento degli obblighi formativi previsti dalla normativa vigente, il possesso del documento unico di regolarità contributiva (DURC), il documento di valutazione dei rischi (DVR) e altre certificazioni fiscali e di sicurezza.

È importante notare che, in attesa del rilascio della patente a punti nei cantieri, le attività possono comunque essere svolte, a meno che l’INL non comunichi diversamente. Tuttavia, se in seguito a controlli successivi si scopre che l’autocertificazione non è veritiera, la patente può essere revocata. In tal caso, l’impresa o il lavoratore autonomo deve attendere almeno 12 mesi prima di richiedere una nuova patente, una misura che sottolinea l’importanza della trasparenza e della conformità con le normative.

Inoltre, la patente può essere sospesa fino a 12 mesi se si verificano infortuni da cui deriva la morte del lavoratore o un’inabilità permanente, assoluta o parziale. Contro questo provvedimento si può ricorrere entro 30 giorni secondo il d.lgs 81/08, art. 14, comma 14.

Come funziona il sistema della patente a punti sicurezza?

I punti sulla patente indicano il livello della sicurezza nei cantieri. Ecco come funziona questo sistema:

  • Inizialmente, la patente viene rilasciata con un totale di 30 punti. Tuttavia, per operare nei cantieri, è necessario mantenere almeno 15 punti.
  • Le violazioni che comportano la decurtazione di punti sono elencate in una tabella visibile qui, con particolare attenzione a quelle rilevanti per gli impiantisti elettrici.
  • Se durante un’ispezione vengono riscontrate più violazioni, il numero di punti decurtati non può superare il doppio della violazione più grave. Ad esempio, se vengono contestate violazioni che comportano 5 e 2 punti di penalità, la decurtazione totale sarà di 7 punti.
  • I punti vengono decurtati solo in seguito a provvedimenti definitivi emessi nei confronti dei datori di lavoro, dirigenti, preposti delle imprese o lavoratori autonomi. Questi provvedimenti possono essere sentenze passate in giudicato o ordinanze-ingiunzione divenute definitive.
  • L’amministrazione che emana i provvedimenti definitivi comunica tali decisioni all’Ispettorato Nazionale del Lavoro entro 30 giorni, anche utilizzando mezzi informatici, per procedere con la decurtazione dei punti dalla patente.
  • I criteri per assegnare punti aggiuntivi rispetto al punteggio iniziale e le modalità per il recupero dei punti decurtati saranno definiti da un decreto ministeriale, previa consultazione dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro.

Patente a punti sicurezza

Questo sistema punteggio è progettato per incentivare la conformità alle normative di sicurezza e per garantire che le violazioni vengano affrontate in modo equo e proporzionale, mantenendo elevati standard di sicurezza nei cantieri.

Sanzioni

Le imprese e i lavoratori autonomi che operano nei cantieri temporanei o mobili, e che si trovano in una delle seguenti situazioni:

  • Non possiedono la patente richiesta (o un documento equivalente per gli operatori stranieri).
  • Posseggono una patente con meno di 15 punti.

Sono soggetti alle seguenti sanzioni:

  • Una sanzione amministrativa, il cui importo corrisponde al 10% del valore dei lavori, con un minimo di 6.000 €. Questa sanzione non è soggetta alla procedura di diffida, come specificato dall’articolo 301-bis del Decreto Legislativo 81/08.
  • Una sanzione accessoria che comporta l’esclusione dalla partecipazione ai lavori pubblici, come previsto dal Codice dei contratti pubblici (Decreto Legislativo 36/23), per un periodo di 6 mesi.

I proventi derivanti da queste sanzioni vengono destinati al bilancio dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro e contribuiscono al finanziamento delle risorse necessarie per l’implementazione dei sistemi informatici utilizzati per il rilascio e l’aggiornamento della patente.

Ulteriori note sulla patente a punti nei cantieri

Ecco ulteriori note relative alla patente a punti nei cantieri temporanei o mobili:

  • È responsabilità del committente o del responsabile dei lavori verificare che le imprese esecutrici o i lavoratori autonomi siano in possesso della patente richiesta, o del documento equivalente per gli operatori stranieri. Nel caso delle imprese che non sono obbligate ad avere la patente a punti nei cantieri, il committente o il responsabile dei lavori deve invece verificare l’attestazione di qualificazione (SOA). Questa verifica deve essere estesa anche ai soggetti che svolgono lavori tramite contratti di subappalto.
  • L’esito di questa verifica deve essere incluso nella comunicazione da effettuare prima dell’inizio dei lavori, come previsto dall’articolo 90, comma 9, lettera c del Decreto Legislativo 81/08. Il mancato adempimento di questa verifica e comunicazione può comportare una sanzione amministrativa, con un importo variabile tra 711,92 € e 2562,91 €, a carico del committente o del responsabile dei lavori.

Infine, il Decreto Legislativo 19/24 prevede ulteriori disposizioni riguardanti la patente a punti sicurezza:

  • L’obbligo di possedere la patente a punti nei cantieri potrebbe essere esteso ad altri ambiti di attività, individuati con decreto del Ministro del lavoro e delle politiche sociali, previa consultazione delle organizzazioni sindacali più rappresentative.
  • Le informazioni relative alla patente verranno annotate in una sezione apposita del Portale nazionale del sommerso, insieme ad altre informazioni utili contenute nel Sistema Informativo Nazionale per la Prevenzione nei Luoghi di Lavoro.
  • Per verificare l’efficacia del sistema della patente a punti nei cantieri, è previsto che l’Ispettorato Nazionale del Lavoro avvii un monitoraggio entro il 1° ottobre 2025 e trasmetta i dati raccolti al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali per eventuali aggiornamenti legislativi.

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                 

Richiedi una consulenza!
Supportiamo la tua azienda nell'attuazione della normativa cogente in materia di salute e sicurezza dei luoghi di lavoro al fine di evitare sanzioni e costi aggiuntivi derivanti dai mancati adempimenti.

Tabella dei contenuti

Richiedi una consulenza!
Supportiamo la tua azienda nell'attuazione della normativa cogente in materia di salute e sicurezza dei luoghi di lavoro al fine di evitare sanzioni e costi aggiuntivi derivanti dai mancati adempimenti.
Articoli utili

Consulenza gratuita

Compila il form e richiedi la tua consulenza gratuita

Informazioni di contatto
Informazioni aziendali
Data ed ora più comode per la consulenza